Martedì 25 ottobre

Parco archeologico delle Mura messapiche di Manduria – Manduria (TA)

Ore 19:00

Ingresso libero

 

FuoriLUOGO presenta Pietre, persone e storie: la morte del re spartano Archidamo e il secolare conflitto tra Messapi e Tarantini.

Narrazione: Giovanni Guarino

Produzione: Crest

In collaborazione con: associazione “Cavalieri de li Terre Tarentine”, laboratorio urbano “I neri per strada”, liceo De Sanctis – Galilei di Manduria e IISS Einaudi di Manduria, d’intesa con il Comune di Manduria.

L’evento è realizzato nell’ambito del “Programma regionale di spettacolo dal vivo per la valorizzazione delle risorse culturali ed ambientali della Puglia – 2016”.

 

Quando nel 343 a.C. Taranto, in lotta contro i Messapi e altre popolazioni italiche, chiese aiuto a Sparta, Archidamo, figlio di Agesilao II, non esitò a scendere in Puglia. 

Stando al celebre biografo Plutarco, morì combattendo sotto le mura di Manduria nel 338, presumibilmente il 3 agosto. Invero, non si sa molto della battaglia in cui perse la vita il duce greco. Di certo fu una delle ultime contese del secolare conflitto che divise Messapi e Tarantini. 

A scatenarla fu l’alleanza stretta nel 356 fra Messapi e Lucani, da cui conseguirono le conquiste di Eraclea e Metaponto. Sentendosi accerchiata, Taranto reagì chiedendo aiuto al suo naturale alleato, quella Sparta da cui nel 708 a.C. presero il mare alcuni coloni (i Parteni) che, guidati secondo la tradizione da Falanto, si sarebbero insediati in territorio messapico, sul sito di un insediamento miceneo, risalente probabilmente al XIV secolo a.C., che separa il Mar Piccolo dal Mar Grande. 

 

La narrazione di Giovanni Guarino utilizza come documentazione storica i romanzi epici “I Leoni di Messapia” (1999) e “I Leoni di Messapia II – Il Cerchio di Fuoco” (2004) di Fernando Sammarco, studioso del mondo messapico e appassionato ricercatore delle origini storiche del Salento, entrambi pubblicati da L’Araba Fenice – Edizioni Magna Grecia.

Le storie di Giovanni Guarino si stagliano come quadri d’autore sull’affresco della Storia. Egli non racconta della Città ma, di più, ne è la voce. Così, Taranto parla e si rivela attraverso di lui.

 

Per informazioni 099.4725780

Post correlati