Nell’ambito della Rassegna Innesti_Estate 2018, curata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Ruvo di Puglia, torna, per il secondo anno consecutivo, “Vedo il mare laggiù – avvistamenti teatrali”, rassegna di teatro open air nella città di Ruvo di Puglia. Un progetto della Compagnia Kuziba in cui, attraverso il teatro, mantenere vivo il dialogo tra il centro e le periferie della città.

Quattro luoghi della città che adottano altrettanti spettacoli:

si parte il 19 luglio in Largo dell’Annunziata con lo spettacolo “Iancu. Un paese vuol dire” di e con Fabrizio Saccomano; si continua il 26 luglio nel Cortile della Pinacoteca Comunale con “A cosa serve la poesia” di Giuseppe Semeraro e Gianluigi Gherzi; si riprende il 3 agosto con “OLTREtutto”, un commovente e sincero omaggio a Don Tonino Bello attraverso le parole e la voce di Michele Santeramo, ospitato in Piazzetta Turati; grande festa finale il 10 agosto con Cavalieri Erranti: “L’audaci imprese, l’arme, le cortesie, l’arte, gli amori” dei Cantieri Teatrali Koreja, un coinvolgente spettacolo di strada sulla mitica figura di Don Chisciotte in Piazza Donatori di sangue.

Questa seconda edizione si arricchisce di azioni poetico-teatrali immaginate per permettere agli spettatori di fare esperienza del teatro e della città in modo inconsueto: “Cartoline dai luoghi dell’anima”, laboratorio di scrittura e voce per scoprire quanti luoghi ci sono in una città e quante città vivono dentro una persona (18 e 25 luglio, 1 e 8 agosto); “Cartoline viventi”, ovvero quattro incursioni teatrali prima o dopo gli spettacoli; “Stranfieri Stranfanti e Ratatuia”, camminata teatrale collettiva dal centro alla periferia in collaborazione con Bembè e di un pic nic urbano sotto il cielo di San Lorenzo (10 agosto).

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito

-> In caso di maltempo gli eventi si svolgeranno a Palazzo Caputi.

-> info e iscrizioni lab: kuzibateatro@gmail.com – 3895126775

Post correlati