Il Festival, ispirato dal volume “L’utilità dell’inutile” del filosofo Nuccio Ordine, propone tre serate di incontri, presentazioni, concerti, satira, un mercatino dell’inutile e molto altro ancora. Un elogio dei saperi “inutili”, di quei saperi cioè che non producono (o almeno così si pensa) profitto e che vengono considerati “inutili” nella nostra società. Tra gli ospiti i filosofi Alessandra Beccarisi e Corrado Del Bò, i giornalisti Raffaele Pappadà, Amalia De Simone, Salvatore Esposito e Laura Rizzo, l’attore e regista Giuseppe Semeraro, l’autore satirico Adelmo Monachese, lo scrittore Marcello Introna, il blogger Massimo Mantellini, l’accademico della Crusca Rosario Coluccia, i musicisti Marcello Zappatore, Giuseppe Santagada, Giorgio Distante, Valerio Daniele e Dario Congedo.
Dal 1 al 3 giugno torna al Castello Volante di Corigliano d’Otranto, in provincia di Lecce, il Festival dell’Inutile, organizzato dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con CoreACore. Nel 2014 il titolo volutamente provocatorio del festival prese spunto dal libro “L’utilità dell’inutile” del filosofo Nuccio Ordine (Bompiani). Il Festival è un elogio dei saperi “inutili”, di quei saperi cioè che non producono (o almeno così si pensa) profitto e che vengono considerati “inutili” nella nostra società. Scopo del libro di Nuccio Ordine e del Festival è invece quello di dimostrare che gli uomini hanno bisogno proprio di ciò che viene considerato inutile: perché la letteratura, l’arte, la filosofia, la musica, la ricerca scientifica sono necessarie per nutrire lo spirito, per farci diventare migliori, per rendere più umana l’umanità. Il Festival propone tre serate (dalle 20.30 a mezzanotte – ingresso libero) con incontri, presentazioni, concerti, satira, un mercatino dell’inutile e molto altro ancora.

Da venerdì 1 a domenica 3 giugno
Castello “Volante” De’ Monti – Corigliano d’Otranto (Le)
Ingresso libero
Info 3331803375

Post correlati