Nel cuore del centro storico di Andria, alle spalle della storica Piazza “Catuma”, ovvero Piazza Vittorio Emanuele, si trova la Cattedrale, intitolata a San Riccardo ed a S. Maria Assunta. La Chiesa è un bellissimo esempio del Romanico Pugliese e la sua storia è dotata di notevole fascino.

11A406

Si racconta che la sua fondazione, risalga ai primissimi anni di vita del cristianesimo. A consacrarla come tempio cattolico, sarebbe stato S. Pietro che, durante il suo viaggio da Antiochia a Roma, avrebbe fatto tappa ad Andria per convertirne la popolazione e dopo esser riuscito nel suo intento, avrebbe provveduto a consacrare il preesistente tempio italico.
L’impianto della chiesa romanica, invece, viene fatto, approssimativamente, risalire ai primi tempi della dominazione Normanna.

Ma la chiesa come appare oggi è frutto di rifacimenti e ricostruzioni infatti nel 1350 venne per buona parte distrutta e ricostruita nel 1438, il porticato risale invece al 1844 ed è in stile neoclassico, infine, il frontone della chiesa, con il suo rosone, sono frutto di una recente (1960-1965) ricostruzione.

11A415 copia

A sinistra della facciata, si trova il campanile realizzato tra il XII ed il XIV secolo, sulle rovine di un precedente impianto longobardo. La torre campanaria è caratterizzata da quattro monofore ogivali e da quattro bifore ogivali, di realizzazione successiva.
Alla sommità del campanile troviamo un gallo di rame che simboleggia S. Pietro.

L’interno del tempio è a croce latina ed è suddiviso in tre navate. Il soffitto della navata centrale è coperto da travi di legno a capriate. Nel transetto del braccio nord si trova la Cappella di S. Riccardo, costruita nel 1440, la quale custodisce le ossa del Santo patrono della città. Il basso presbiterio è contraddistinto dal meraviglioso soffitto dipinto e raffigurante le immagini di S. Michele Arcangelo e di S. Nicola di Mira.

Un grande arco a sesto acuto introduce all’altare maggiore, dietro il quale troviamo il coro e la cappella che custodisce la reliquia della Sacra Spina, la spina più grande ed appuntita della corona che Gesù indossò sulla croce.

11A421 copia

Sotto il presbiterio si trova la cripta paleocristiana, che un tempo sorgeva a livello della strada.
È caratterizzata da due navate a crociera disegnate da quattro archi adagiati su cinque colonne, alcune delle quali conservano ancora i capitelli originali.

L’abside presbiteriale, di forma semicircolare, è costituito da un pilastro che sostiene due archi formanti il deambulatorio. Bisogna ricordare, che nel pronao si trovano i loculi dove Federico II di Svevia fece seppellire due delle sue mogli, Isabella d’Inghilterra e Jolanda di Brienne. La leggenda narra che, fu questa la ragione per cui l’imperatore fece costruire l’unica grande trifora di Castel del Monte rivolta verso Andria.

 

Post correlati